Rovigo Levico Rovereto 1919-2019. I risultati del Progetto

Il progetto nato nella primavera del 2019 per ripercorrere e ricordare, ad un secolo di distanza, fatti e personaggi che hanno scritto un pezzo di storia della nostra Città è giunto nel mese di ottobre a conclusione con una serie di appuntamenti a Rovigo, Ceneselli, Levico e Rovereto.

Verso la Pace

Il primo incontro in calendario coordinato dalla dirigente del Liceo Celio-Roccati prof. Anna Maria Pastorelli e svoltosi mercoledì 16 ottobre a Rovigo, presso la Sala Oliva dell’Accademia dei Concordi, ha visto dopo i saluti del Dott. Pier Luigi Bagatin, del Sindaco Edoardo Gaffeo, del Rappresentante del Comando Forze operative Nord dell’Esercito Italiano, gli interventi dei curatori del Progetto la prof. Ludovica Mutterle, il dott. Raffaele Peretto e la prof. Mirella Boso che in modo efficace hanno presentato il percorso che i ragazzi hanno seguito nella realizzazione di questa interessante esperienza di alternanza scuola- lavoro.

E’ stato interessante far raccontare ai ragazzi della scuola superiore una vicenda di 100 anni fa, lontana nel tempo e a volte dal nostro sentire, attraverso testi, interpretazioni teatrali ed elaborati artistici realizzati dai ragazzi del Liceo Celio-Roccati.

A precedere la presentazione dei risultati degli studenti la relazione del dott. Adriano Mazzetti che attraverso immagini e riferimenti storici ha presentato la vicenda della comunità trentina stabilitasi a Rovigo tra la fine dell’Ottocento e gli anni precedenti la prima Guerra Mondiale delineando profili di personaggi dell’ambiente rodigino provenienti dalle terre trentine quali don Fogolari, don Antonio Rossaro, Giannino Tessaro ed altri ancora. Figure che hanno saputo entrare nel cuore della città stimolandone le migliori energie e promuovendo iniziative di solidarietà e collaborazione.

Il successivo intervento di Gianmario Baldi, direttore della Biblioteca Civica di Rovereto, ha invece approfondito la complessa figura di don Antonio Rossaro, ammesso nel Seminario di Rovigo nel 1909, dopo aver compiuto parte degli studi presso i Giuseppini di Torino. Baldi si è soffermato sul particolare carisma di don Rossaro, definito da mons. Vallin “anima scapigliata”, che a Rovigo negli anni della guerra seppe essere sempre animatore appassionato di valori civili e dopo il 1918 promotore di iniziative volte a favorire rinascita della città trentina. Il pomeriggio di studio si è concluso con applaudito concerto corale ed un accenno agli appuntamenti in programma a Ceneselli, nella serata del 19 ottobre a quelli successivi a Levico e Rovereto. FratelliAl riguardo la giornata del 24 ottobre è stata particolarmente intensa. Il gruppo polesano è stato accolto nel municipio di Levico dall’assessore Emilio Perina e dai rappresentanti delle associazioni d’arma. Per l’occasione è stato esposto il tricolore donato da Rovigo a Levico nel 1919 lavoro finissimo delle ricamatrici polesane, conservato con cura nello studio del sindaco. Nel pomeriggio è seguita la visita sulle colline presso Rovereto alla Campana dei Caduti Maria dolens realizzata nel 1925 su proposta proprio di don Antonio Rossaro quando ancora da Rovigo dirigeva il mensile Alba trentina. Successivamente il gruppo polesano guidato dalla preside del Liceo classico Celio-Roccati prof. ssa Pastorelli, dal dott. Peretto, dal dott. Mazzetti e da don Bruno Cappato si è incontrato nella civica biblioteca Tartarotti di Rovereto con il direttore dott. Baldi e con il vice sindaco della città ed assessore alla cultura Cristina Azzolini che hanno espresso ai giovani e ai docenti l’apprezzamento per il lavoro svolto proponendo nuove occasioni di scambio culturale e di collaborazione.

I luoghi

Il Progetto Rovigo Levico Rovereto 1919-2019 nel suo svolgimento ha idealmente ripercorso i luoghi della vita di don A. Rossaro.

cartina modificata piccola

La ricerca è partita dalla Biblioteca del Seminario ove don Rossaro ha iniziato la sua esperienza di sacerdote, quale insegnante del collegio Vescovile “Angelo Custode” poi direttore de La Settimana. A Ceneselli il secondo incontro del Progetto ha riproposto l’esperienza pastorale di Rossaro nella Parrocchia altopolesana. L’Accademia dei Concordi che dal 1918 al 1920 ha avuto don Antonio come direttore. L’esperienza dei giovani del liceo Celio-Roccati si conclude con il viaggio a Levico e Rovereto, città quest’ultima dove don Rossaro ha portato avanti impegno culturale e civile come direttore della Biblioteca civica, cofondatore del Museo della Guerra e ideatore della Campana dei caduti.

Adriano Mazzetti

Articolo tratto da “La Settimana”, domenica 27 ottobre 2019

Rovigo Levico Rovereto 1919-2019

Una serie di appuntamenti, nel corso del mese di ottobre, concluderà il progetto Rovigo Levico Rovereto (1919-2019) realizzato dagli studenti del Liceo Celio – Roccati di Rovigo in collaborazione con l’Accademia dei Concordi, la Biblioteca del Seminario ed il CPSSAE.    Il progetto sviluppato attraverso conferenze, incontri, attività didattica ed artistiche, si chiuderà con la visita ai luoghi che cento anni fa hanno fatto da scenario alla consegna della bandiera italiana e al dialogo tra Comunità polesane e trentine.

L’impegno culturale nei mesi scorsi ha coinvolto studenti ed istituzioni culturali di Rovigo alla riscoperta di una pagina poco conosciuta della storia locale fatta di accoglienza e condivisione.

Per informazioni sugli eventi in programma: 0425360648

locandina 15