Adria, cuore antico del Polesine

rec0001In una quindicina di pagine Antonio Lodo condensa la lunga, complessa e ricca storia della città di Adria, dal lontano periodo etrusco caratterizzato da scambi commerciali al municipium romano, dalla decadenza e dallo spopolamento dal III al IX secolo d.C. con il crescente ruolo del vescovo sino all’egemonia estense che si arriva ai primi anni del Cinquecento lasciando il posto al dominio della Serenissima, dominio che si protrarrà sino alla fine del Settecento. Nell’ultimo secolo di presenza veneziano cresce la passione per il collezionismo e per la storia di una città che molto offre ad archeologi e studiosi. Passando per i periodi napoleonico ed austriaco il quadro delineato dal prof. Lodo raggiunge il nostro tempo delineando non solo un percorso cronologico ma anche offrendoci pennellate efficaci sulla vita amministrativa e sul carattere degli abitanti. “Adria – scrive al riguardo e riferendosi al Novecento – registra una popolanità politicamente antagonista e ostile ai tradizionali poteri economici e politici ma insieme partecipe, solidale nell’orgoglio per gli istituti, le memorie, le espressioni sociali cittadine”. Numerose illustrazioni ed una ricca bibliografia completano la pubblicazione che costituisce per i polesani e non un prezioso strumento per comprendere l’identità ed il fascino antico e sempre nuovo della città.

Adriano Mazzetti

Adria : cuore antico del Polesine / Antonio Lodo. – Adria : Apogeo, 2015. – 32 p. : ill. ; 22 cm