Quando il Polesine era linea di confine

Storia delle fortificazioni austriache di Rovigo e dintorni tra 1859 e 1866

rec0002Risultato finale dell’attività didattica interdisciplinare, nonché di una proficua collaborazione tra istituti formativi e culturali, il volume presenta le vicende storiche delle fortificazioni costruite dagli austriaci per la difesa del fronte meridionale del Regno Lombardo-Veneto attraverso le memorie di uno dei suoi principali realizzatori, il tenente colonnello von Salis Soglio. La cronaca degli eventi è corredata da un numeroso apparato fotografico e grafico, spesso a colori, che fanno rivivere costruzioni che ebbero una durata effimera, di cui rimane traccia solo in alcuni toponimi. Gli autori, utilizzando le immagini aeree, riescono anche a collocare fisicamente alcune di queste strutture difensive, permettendo al lettore di cogliere quanto rimane oggi. La ricerca, realizzata partendo dagli archivi locali, in primis l’Archivio di Stato di Rovigo, si è allargata presto ad archivi svizzeri e viennesi. Ciò fa del volume un punto fermo per la storia di Rovigo e del Polesine alla vigilia dell’annessione all’Italia, chiarendo fatti e luoghi finora tramandati dalla tradizione orale con le naturali deformazioni dovute al trascorrere del tempo.

Marco De Poli

I forti austriaci di Rovigo / Silvia Zennaro Giuliotti, Giovanni De Poli. – Rovigo : Istituto tecnico statale per geometri Amos Bernini, 2015. – 139 p., [18] p. di tav. : ill. ; 29 cm + 1 fasc. di tav. ripiegate

Annunci